Nel 1965, prima che le donne in America avessero il diritto costituzionale di scegliere l’aborto, un’allora studentessa diciannovenne dell’Università di Chicago aiutò un’amica a trovare un medico disposto a eseguire la procedura illegalmente.

Con le donne disperate che mettono in pericolo le loro vite cercando di finire nei vicoli, non passò molto tempo prima che altre contattassero Heather Booth. Si è resa conto rapidamente della richiesta del servizio e non poteva gestirla da sola.

E così è stato istituito il Jane Collective: una rete clandestina di donne che ha aiutato altre donne che affrontano gravidanze indesiderate a trovare un accesso sicuro all’aborto. Alla fine, alcuni dei membri hanno imparato abbastanza per eseguire le procedure da soli.

Immagine:
Norma McCorvey – Jane Roe nel caso giudiziario Roe v Wade del 1973 – nella foto con l’avvocato Gloria Allred fuori dalla Corte Suprema a Washington nel 1989

Il gruppo segreto ha lavorato insieme per fornire a circa 11.000-12.000 donne e ragazze aborti sicuri prima della storica sentenza del 1973 nota come Uova contro Wadeche ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti.

Vittime di stupro, donne le cui gravidanze stavano mettendo a rischio la propria vita, madri single che non potevano permettersi un altro figlio, giovani donne che semplicemente non avevano un’istruzione sul controllo delle nascite – non c’era giudizio. Le donne non dovevano giustificare le loro ragioni per non voler portare a termine le loro gravidanze.

Ora, la storia dei Jane viene raccontata in un nuovo film, Call Jane, con protagonista Elisabetta BancheSigourney Weaver e Wunmi Mosaku.

Banks interpreta Joy, moglie e madre di una figlia adolescente che scopre che una seconda gravidanza tanto desiderata è diventata pericolosa per la vita. Quando un consiglio di medici maschi si rifiuta di terminare, dicendo a Joy che deve correre il rischio, disperata e impaurita, si imbatte nei Jane.

Il film è in lavorazione da diversi anni, ma in seguito Il ribaltamento di Roe v Wade da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti all’inizio del 2022 (Dobbs v Jackson Women’s Health Organization) – aprendo la strada a metà degli Stati Uniti per limitare severamente o vietare completamente la pratica – il suo rilascio sembra tempestivo.

“Era molto, molto rischioso”

Diverse migliaia di manifestanti, per protestare contro la decisione della Corte Suprema di 8 anni che consente l'aborto, marciano lungo Pennsylvania Avenue a Washington verso l'edificio del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​22 gennaio 1981. (AP Photo/Herbert K. White)
Immagine:
Una marcia contro l’aborto a Washington nel 1981, otto anni dopo la sentenza Roe v Wade. Foto: AP/Herbert K White

C’è stato un tempo in cui ogni stato in America aveva leggi contro l’aborto. I critici delle leggi hanno accusato le autorità di punire le donne per non aver gestito la loro sessualità e fertilità nei modi approvati dal governo, dalle forze dell’ordine e dalle istituzioni mediche e religiose.

Molte donne non sapevano dove trovare aiuto o si vergognavano troppo o avevano paura di chiedere. Alcuni erano troppo poveri o timorosi dopo aver ascoltato storie orribili di vicoli e aborti autoinflitti.

Un anno prima della costituzione dei Janes, una donna di nome Gerri Santoro, del Connecticut, morì nel tentativo di ottenere un aborto illegale; la sua foto è diventata il simbolo di un movimento per i diritti dell’aborto.

A Chicago, nell’Illinois, i Jane hanno cambiato le cose.

Il produttore di Call Jane Robbie Brenner si è consultato con alcune delle Jane originali durante la realizzazione del film. “Era molto, molto rischioso”, ha detto. “Stavano pensando fuori dagli schemi. Ciò che hanno fatto, e ciò che alla fine hanno realizzato in un tempo relativamente breve, è stato a dir poco rivoluzionario”.

“L’aborto non è controverso, limitarne il diritto lo è”

L'attore Elizabeth Banks parla ai sostenitori dei diritti di aborto organizzati dal raduno del Center for Reproductive Rights mentre la Corte Suprema degli Stati Uniti ascolta argomenti orali a giugno Medical Services v. Russo mercoledì 4 marzo 2020 a Washington.  (Alyssa Schukar/Centro per i diritti riproduttivi)
Immagine:
Elizabeth Banks lavora con il Center for Reproductive Rights negli Stati Uniti. Pic: Alyssa Schukar/Centro per i diritti riproduttivi via AP

Per Banks, noto per aver recitato in film come The Hunger Games e la serie Pitch Perfect, interpretare Joy era più di un semplice ruolo; in qualità di leader del consiglio creativo per il Center for Reproductive Rights negli Stati Uniti, il diritto all’aborto è una questione che le interessa con passione.

Parlando mentre promuoveva il film nel Regno Unito, ha detto a Sky News di contestare l’idea che l’aborto sia un argomento controverso.

“In effetti, la maggioranza dell’elettorato in America – e ovviamente qui in Inghilterra – sostiene l’accesso sicuro e legale all’aborto”, ha detto. “Rappresentiamo l’opinione della maggioranza che non è molto controversa.

Leggi di più:
Da arrabbiato a felicissimo: come hanno reagito le donne al ribaltamento di Roe v Wade
L’aborto potrebbe davvero essere mai vietato nel Regno Unito?
La Corte Suprema giudica chi ha revocato il diritto all’aborto negli Stati Uniti

“Penso che ci siano molte discussioni al riguardo in questo momento, ovviamente, a causa della nostra Corte Suprema e della decisione di Dobbs.

“Ma avverto sempre le persone di creare uno scenario in cui si parla di aborto come se il lato dell’aborto fosse il lato controverso; il lato controverso è il non consentire alle donne l’accesso all’assistenza sanitaria sicura e legale per l’aborto di cui hanno bisogno per qualsiasi varietà di ragioni. Questo è ciò che è controverso, è limitare quel diritto. “

“Non dobbiamo giustificarlo” – come Lily Allen ha parlato a favore del diritto di scelta

Lily Allen partecipa alla quindicesima cena annuale degli artisti del Tribeca Festival ospitata da CHANEL a Balthazar lunedì 13 giugno 2022 a New York.  (Foto di Evan Agostini/Invision/AP)
Immagine:
Pic: Evan Agostini/Invision/AP 2022

In seguito alla sentenza Dobbs, coloro che si sono battuti contro la decisione hanno fornito molti esempi del motivo per cui le donne potrebbero aver bisogno di un aborto – stupro, circostanze pericolose per la vita, danni al bambino.

Ma alcuni, inclusa la cantante Lily Allen, si sono chiesti perché le donne dovrebbero giustificare la procedura.

Parlando di abortire lei stessala star, che è madre di due figlie, ha scritto su Instagram: “Vorrei che la gente smettesse di pubblicare esempi di motivi eccezionali per abortire.

“La maggior parte delle persone che conosco, me compreso, semplicemente non volevano avere un fottuto bambino. E QUESTA È UNA RAGIONE ABBASTANZA! NON DOBBIAMO GIUSTIFICARLO.

“Non dovrebbe essere detto, e penso che tutti questi esempi giochino solo nelle mani dei cattivi”.

Che cos’è Roe v Wade – e Dobbs v Jackson Women’s Health Organization

Roe v Wade è stato il caso storico di una donna texana, Norma McCorvey, a cui si faceva riferimento con lo pseudonimo legale di Jane Roe per proteggere la sua privacy, ma in seguito si è espressa pubblicamente.

Nel 1969 rimase incinta del terzo figlio e non poté abortire perché lo stato glielo permetteva solo se la vita della madre era in pericolo

I suoi avvocati hanno intentato una causa contro il procuratore distrettuale locale Henry Wade alla Corte federale degli Stati Uniti, sostenendo che le leggi texane sull’aborto erano incostituzionali. Il tribunale distrettuale del distretto settentrionale del Texas si è pronunciato a suo favore, ma il signor Wade ha impugnato la decisione presso la Corte Suprema.

Dopo aver ascoltato le argomentazioni, nel 1973 la corte rivelò che sette dei suoi nove giudici avevano votato a favore della signora Roe. Ciò significava una modifica alla costituzione, che indipendentemente da qualsiasi legge statale che vietava l’aborto, ogni donna negli Stati Uniti aveva diritto a uno entro le prime 12 settimane di gravidanza – e alcuni diritti oltre.

Il 24 giugno 2022, sei giudici della Corte Suprema su nove hanno votato a favore del mantenimento del divieto statale del Mississippi del 2018 di abortire dopo 15 settimane di gravidanza.

Ma il caso non ha riguardato solo il Mississippi. Nell’argomentare il suo caso, lo stato ha fatto un ulteriore passo avanti, chiedendo alla corte di annullare i due atti fondamentali della legislazione sull’aborto negli Stati Uniti: Roe v Wade e Planned Parenthood v Casey, un caso del 1982 che si basava su Roe v Wade mettendo più diritto all’aborto nella costituzione.

Con sentenza a favore di Dobbs, la Corte Suprema ha di fatto abolito le garanzie sul diritto all’aborto, mettendo invece le leggi nelle mani dei singoli stati. Almeno 12 stati hanno ora vietato l’aborto, mentre altri hanno imposto restrizioni o si sono mossi per rendere illegale la procedura.

Leggi di più:
Le cliniche nel Missouri offrono vasectomia gratuita dopo l’aumento della domanda da quando ha deciso
Aborto vietato in Arizona dopo che il giudice ha revocato l’ingiunzione

Dimostranti anti-aborto tengono cartelli in una protesta pro-vita in Parliament Square a Londra, giovedì 27 ottobre 2022. La protesta si terrà in occasione del 65° anniversario della legalizzazione dell'aborto in Gran Bretagna, il disegno di legge è stato approvato in entrambe le case il 27 ottobre 1967 e divenne legge nell'aprile 1968. (AP Photo/Alastair Grant)
Immagine:
Una protesta pro-vita ha avuto luogo a Londra all’inizio di ottobre. Foto: AP/Alastair Grant

C’è chi la pensa diversamente, anche nel Regno Unito, dove l’aborto è legale da decenni.

All’inizio di questa settimana, i manifestanti contro l’aborto hanno preso parte a una protesta pro-vita in Parliament Square a Londra nel 65° anniversario dell’approvazione del disegno di legge.

Call Jane mostra alle donne che vengono accettate dai Janes la loro fine, non importa quali siano le ragioni alla base della decisione.

“Trovo affascinante che le donne siano in qualche modo infantilizzate in questo modo quando si tratta del proprio corpo e dell’assistenza sanitaria”, ha detto Banks a Sky News. “Che in qualche modo non sappiamo cosa sia meglio per noi. Quindi un gruppo di uomini deve essere sicuro che stiamo prendendo la decisione giusta. Sai, è offensivo, francamente.

“È anche offensivo immaginare che le donne siano in qualche modo incinte da sole, e che nessun uomo sia stato coinvolto e non sia nemmeno coinvolto nella decisione di porre fine alla gravidanza, il che non è quasi mai vero, sai?

“Voglio dire, trovo affascinante il fatto che siamo una specie di… l’atto ne prende due ma poi tutto ciò che va oltre riguarda solo la donna. Siamo responsabili di tutto dopo. E, sai, ogni gravidanza indesiderata è un risultato di eiaculazione irresponsabile. E se questo film può ricordarlo a qualcuno, ne sono felice”.

“L’aborto è una parte normale della vita di milioni di donne”

Elizabeth Banks e Wunmi Mosaku recitano in Call Jane.  Pic: Vertigo rilasciando
Immagine:
Banks e la co-protagonista Wunmi Mosaku in Call Jane. Pic: Vertigo rilasciando

Il film mostra anche donne diverse che provano sentimenti diversi riguardo alla cessazione. Per alcuni è una scelta dolorosa, per altri una semplice decisione.

“Ovviamente è spaventoso per alcune donne”, afferma la regista Phyllis Nagy. “E abbiamo già molte storie del genere. Quindi abbiamo pensato di avere una responsabilità [with Call Jane] normalizzare la procedura e mostrare un gruppo di donne che si riuniscono per risolvere un problema irrisolvibile, o apparentemente irrisolvibile”.

“Penso anche che Phyllis volesse davvero rendere l’assistenza sanitaria per l’aborto molto normale come parte della vita di molti, molti milioni di donne, una decisione che viene presa ogni giorno”, afferma Banks.

“E questo non è un momento spaventoso e travagliato per la maggior parte delle donne. È solo, ‘oh, alcuni spermatozoi hanno incontrato un uovo e le cellule si stanno dividendo, e non era mia intenzione. E quindi vorrei che smettesse’. Questo è tutto.”

Call Jane è nei cinema dal 4 novembre

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *