NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Un appaltatore americano tenuto in ostaggio in Afghanistan per più di due anni è stato rilasciato in cambio di un signore della droga talebano condannato incarcerato negli Stati Uniti, ha affermato lunedì la Casa Bianca, annunciando un raro successo nei colloqui tra Stati Uniti e talebani da quando il gruppo militante ha preso il potere poco più di un anno fa

Mark Frerichs, un veterano della Marina che aveva trascorso più di un decennio in Afghanistan come appaltatore civile, è stato rapito nel gennaio 2020 e si ritiene che da allora sia stato trattenuto dalla rete Haqqani legata ai talebani. È stato scambiato per Bashir Noorzai, un associato talebano condannato per una cospirazione per traffico di eroina che aveva trascorso 17 anni dietro le sbarre prima del suo rilascio lunedì.

Lo scambio è uno degli scambi di prigionieri più significativi avvenuti sotto l’amministrazione Biden, arrivato cinque mesi dopo un accordo con la Russia che ha portato a casa il veterano dei marine Trevor Reed. Sebbene il suo caso abbia ricevuto meno attenzione pubblica rispetto a quelli di altri americani detenuti all’estero, tra cui la star della WNBA Brittney Griner e il dirigente della sicurezza aziendale Paul Whelan – entrambi detenuti in Russia e i cui parenti hanno incontrato il presidente Joe Biden venerdì – funzionari statunitensi hanno affermato che l’accordo per Frerichs è stato il risultato di mesi di trattative tranquille.

Quelle discussioni hanno acquisito nuovo slancio a giugno, quando Biden ha accettato di concedere a Noorzai il sollievo dalla sua condanna all’ergastolo, ponendo le basi per quella che un funzionario dell’amministrazione ha descritto come una “finestra di opportunità molto ristretta questo mese” per completare l’accordo.

Questa foto non datata fornita a The AP mostra Mark Frerichs, un veterano degli Stati Uniti e appaltatore civile trattenuto per più di 2 anni in Afghanistan dai talebani. La famiglia Frerichs dice che è stato liberato dai talebani. Il rilascio di Frerichs sembra aver fatto parte di uno scambio ed è arrivato quando un signore della droga talebano imprigionato ha anche detto lunedì di essere stato liberato dalla custodia americana. (Charlene Cakora tramite AP)
(Charlene Cakora tramite AP))

I TALIBANI LIBERANO L’ULTIMO PRIGIONIERO AMERICANO IN AFGHANISTAN ALLO SCAMBIO DI PRIGIONIERI CON GLI STATI UNITI

Biden ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata dalla Casa Bianca: “Portare i negoziati che hanno portato alla libertà di Mark a una risoluzione di successo ha richiesto decisioni difficili, che non ho preso alla leggera”.

Frerichs, 60 anni, stava lavorando a progetti di ingegneria civile al momento del suo rapimento il 31 gennaio 2020 a Kabul. Si ritiene che sia stato attirato in una riunione per discutere di un nuovo progetto e poi trasportato a Khost, una roccaforte della rete Haqqani collegata ai talebani vicino al confine con il Pakistan.

È stato visto l’ultima volta in un video pubblicato la scorsa primavera dal New Yorker in cui è apparso nei tradizionali abiti afgani e ha chiesto il suo rilascio. Era accompagnato lunedì dall’inviato presidenziale speciale dell’amministrazione per gli affari degli ostaggi ed era in salute stabile, ha detto un funzionario statunitense. La sua destinazione finale non è stata immediatamente chiara, anche se un funzionario del ministero degli Esteri del Qatar ha detto che Frerichs si sarebbe presto diretto da Doha negli Stati Uniti

Una sorella di Frerichs, originaria di Lombard, Illinois, ha ringraziato i funzionari statunitensi che hanno contribuito a garantire il rilascio di suo fratello.

“Sono così felice di sapere che mio fratello è al sicuro e sta tornando a casa da noi. La nostra famiglia ha pregato per questo ogni giorno degli oltre 31 mesi in cui è stato ostaggio. Non abbiamo mai perso la speranza che sarebbe sopravvissuto e torna a casa sano e salvo da noi”, ha detto una dichiarazione della sorella, Charlene Cakora.

Noorzai, al momento del suo arresto nel 2005, non sembrava affatto il destinatario ideale della clemenza presidenziale. Era stato designato in un elenco riservato ad alcuni dei trafficanti di droga più prolifici del mondo, ed è stato processato dalla corte federale di Manhattan con l’accusa di possedere campi di oppio nella provincia di Kandahar e di fare affidamento su una rete di distributori che vendevano l’eroina a New York.

Bashir Noorzai, prigione, parla durante la sua cerimonia di rilascio, all'Intercontinental Hotel, a Kabul, Afghanistan, lunedì 19 settembre 2022. Noorzai, un famigerato signore della droga e membro dei talebani, ha detto ai giornalisti a Kabul lunedì di aver trascorso 17 anni e sei mesi in una prigione americana.  Il ministro degli Esteri nominato dai talebani, Amir Khan Muttaqi, ha dichiarato lunedì che un americano rilasciato, in quello che sembra essere stato parte di uno scambio, era Mark Frerichs, un veterano della Marina e appaltatore civile rapito in Afghanistan nel 2020. (AP Photo/Ebrahim Noroozi)

Bashir Noorzai, prigione, parla durante la sua cerimonia di rilascio, all’Intercontinental Hotel, a Kabul, Afghanistan, lunedì 19 settembre 2022. Noorzai, un famigerato signore della droga e membro dei talebani, ha detto ai giornalisti a Kabul lunedì di aver trascorso 17 anni e sei mesi in una prigione americana. Il ministro degli Esteri nominato dai talebani, Amir Khan Muttaqi, ha dichiarato lunedì che un americano rilasciato, in quello che sembra essere stato parte di uno scambio, era Mark Frerichs, un veterano della Marina e appaltatore civile rapito in Afghanistan nel 2020. (AP Photo/Ebrahim Noroozi)
(Foto AP/Ebrahim Noroozi)

Quando è stato condannato all’ergastolo, l’allora massimo procuratore federale a Manhattan ha affermato che la “rete mondiale di narcotici di Noorzai ha sostenuto un regime talebano che ha reso l’Afghanistan un terreno fertile per il terrorismo internazionale”.

L’accordo di lunedì ha sottolineato le due parti dell’approccio dei talebani alle droghe illegali. Ad aprile, hanno annunciato il divieto di raccogliere i papaveri che producono oppio per produrre eroina, un ordine che vietava anche la produzione e il trasporto di narcotici. Tuttavia, durante gli anni dell’insurrezione talebana, secondo quanto riferito, hanno guadagnato milioni di dollari tassando gli agricoltori e gli intermediari che trasferivano le loro droghe fuori dall’Afghanistan.

Un alto funzionario dell’amministrazione che ha informato i giornalisti in condizione di anonimato in base alle regole di base stabilite dall’amministrazione ha affermato che il governo degli Stati Uniti ora ha stabilito che il rilascio di Noorzai “non cambierà materialmente alcun rischio per gli americani o altererà sostanzialmente i contorni del traffico di droga lì”. I funzionari hanno anche tenuto conto del fatto che Noorzai aveva trascorso 17 anni in prigione. Dissero che era diventato chiaro dai negoziati che sarebbe stato necessario liberarlo per riportare a casa Frerichs.

In una conferenza stampa lunedì, Noorzai ha espresso gratitudine per aver visto i suoi “fratelli mujaheddin” – un riferimento ai talebani – a Kabul.

“Prego per un maggiore successo dei talebani”, ha aggiunto. “Spero che questo scambio possa portare alla pace tra l’Afghanistan e l’America, perché un americano è stato rilasciato e ora sono libero anche io”.

Anche prima della loro presa in consegna dell’Afghanistan nell’agosto dello scorso anno, i talebani avevano chiesto il rilascio degli Stati Uniti di Noorzai in cambio di Frerichs. Ma c’erano state poche indicazioni pubbliche sul fatto che Washington procedesse in questo modo.

Eric Lebson, un ex funzionario della sicurezza nazionale del governo degli Stati Uniti che aveva consigliato la famiglia di Frerichs, ha affermato in una dichiarazione che “tutto in questo caso è stata una lotta in salita”. Ha criticato l’amministrazione Trump per aver dato via “la nostra leva per riportare Mark a casa rapidamente firmando un accordo di pace con i talebani senza aver mai chiesto loro di restituire prima Mark”.

“La famiglia di Mark ha quindi dovuto affrontare due amministrazioni, dove molte persone hanno visto il ritorno sicuro di Mark come un ostacolo ai loro piani per l’Afghanistan”, si legge nella dichiarazione.

GLI STATI UNITI HANNO DONATO 780 MILIONI DI DOLLARI ALL’AFGHANISTAN IN AIUTI

Il crollo del governo afghano sostenuto dall’Occidente e l’acquisizione da parte dei talebani nell’agosto 2021 hanno sollevato ulteriori preoccupazioni sul fatto che i progressi nei negoziati potessero essere annullati o che Frerichs potesse essere dimenticato. Ma il suo nome è stato invocato il mese scorso quando i suoi consiglieri hanno affermato che Biden aveva fatto pressioni sui funzionari affinché prendessero in considerazione qualsiasi rischio rappresentato per Frerichs dall’attacco dei droni in Afghanistan che ha ucciso il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahri.

Il ministro degli Esteri nominato dai talebani, Amir Khan Muttaqi, ha salutato lo scambio lunedì come l’inizio di una “nuova era” nelle relazioni USA-talebani e l’apertura di una “nuova porta per i colloqui”.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

I funzionari statunitensi erano più cauti. Sebbene non riconoscano il governo talebano, gli Stati Uniti hanno interessi in gioco in Afghanistan e continueranno a impegnarsi con i talebani nell’affrontare la fame e la crisi umanitaria che attanaglia il paese, hanno affermato lunedì i funzionari dell’amministrazione.

Ma i funzionari affermano di essere preoccupati per il fatto che i talebani siano impegnati nella lotta al terrorismo e per l’esclusione delle ragazze dalle scuole superiori, una questione che domenica ha attirato un rimprovero delle Nazioni Unite.

___

Faiez riportato da Islamabad. Lo scrittore dell’Associated Press Aamer Madhani a Washington ha contribuito a questo rapporto.

___

Questa storia ha corretto una versione all’inizio della giornata che citava le affermazioni talebane secondo cui Noorzai era detenuto a Guantanamo Bay; l’affermazione è stata smentita dai funzionari statunitensi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.